Maggio 15

Perché intervenire sui denti naturali

Conservativa

0  comments

Avere tutte le accortezze necessarie per conservare i propri denti naturali è un’ottima abitudine. In questo articolo, infatti, parleremo vedremo perché intervenire sui denti naturali, affidandosi quando necessario all’odontoiatria conservativa, la disciplina che ci aiuta a recuperare e tutelare i denti.

La carie è una malattia generata da batteri, in grado di distruggere progressivamente i tessuti duri del dente. I batteri dissolvono lo smalto dentale, fino a formare una cavità. La carie può causare alitosi, infezioni, mal occlusione dentaria con conseguente errata masticazione, cattiva digestione, disturbi dell’apparato digerente, fino a malattie renali, infiammazioni delle tonsille e reumatismi articolari. Prevenire l’insorgenza di carie è dunque molto importante, ma nel caso fosse ormai troppo tardi, la strada da percorrere è quella dell’odontoiatria conservativa.

La conservativa interviene sui denti naturali

La conservativa è la disciplina che interviene sui denti naturali: si dedica al restauro dei denti danneggiati da carie, lesioni o fratture traumatiche attraverso intarsi, otturazioni e ricostruzioni. Oggi, soluzioni ad elevata valenza estetica e funzionale permettono di intervenire su tutti i denti, anche quelli gravemente danneggiati. Vediamo insieme come queste tecniche sono in grado di risolvere le criticità in maniera sicura e duratura.

Curare e ricostruire il dente dopo un trauma

La conservativa tende a rispettare, per quanto possibile, la struttura dentale residua ed adottare un approccio mini invasivo. Qualora la carie fosse superficiale l’odontoiatra, dopo aver asportato le parti di dentina e smalto interessati dalla lesione, eseguirà un’otturazione con i materiali compositi. Qualora invece la carie fosse così profonda da interessare anche la polpa dentale, che contiene fibre nervose e vasi sanguigni, sarà necessario ricorrere alla devitalizzazione del dente, alla sagomatura, alla decontaminazione dei canali dove era contenuta la polpa e, infine alla sigillatura degli stessi in modo che i batteri non possano più infiltrarsi in futuro. Con questa seconda procedura, si parla di endodonzia, una disciplina odontoiatrica complessa, che richiede sofisticata tecnologia e grande abilità dell’operatore. Per conoscere i professionisti dello Studio odontoiatrico Bellemo, specializzati in conservativa ed endodonzia, consulta la sezione dedicata al nostro team.

L’avanguardia dei materiali compositi

Esteticamente simili allo smalto dentale, questi materiali aderiscono senza sacrificare il tessuto sano. In odontoiatria conservativa, i compositi hanno ormai sostituito l’amalgama d’argento, che per la presenza di mercurio e altri metalli pesanti è da considerarsi pericolosa.

Cerchi uno studio dentistico a Pisa specializzato in odontoiatria conservativa ed edodonzia?

Contattaci per ottenere un appuntamento.

About the author 

Studio Bellemo

You may also like

Macchie sui denti: come riconoscerne la causa

Parodontite: cos’è e come agire

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}