Giugno 10

Blocco della mandibola: i consigli dello gnatologo

Uncategorized

0  comments

Innanzitutto, chi è lo gnatologo? Trattasi di un odontoiatra specializzato in una disciplina complessa che comprende tutte le patologie relative all’articolazione della bocca a tutti gli organi ad essa connessi: la gnatologia. In caso di blocco della mandibola, assicurarsi che a intervenire sia uno specialista della materia, è fondamentale. Abbiamo parlato con gli esperti dello Studio Odontoiatrico Bellemo che ci hanno dato alcuni consigli su come affrontare questa patologia. 

Blocco mandibolare, come riconoscerlo?

Un rumore a scatto, detto click, proveniente da una o da entrambe le articolazioni temporo-mandibolari, può essere il segnale che indica una difficoltà nell’apertura della bocca. Queste articolazioni, che si trovano a pochi millimetri dalle orecchie, possono venir meno al loro funzionamento e causare un blocco del meccanismo cosiddetto condilo-discale. Ma che cosa causa questa spiacevole evenienza? Solitamente, a causare un blocco mandibolare o un trisma, possono essere: malocclusione della bocca dovuta a estrazioni o protesi eseguite in modo scorretto, traumi esterni come colpi subiti durante un incidente stradale, infiammazioni del tessuto molle presente nel cavo orale, fino al tetano, una patologia infettiva che causa, tra le altre cose, la contrazione dei muscoli mandibolari.

Il paziente con blocco della mandibola avvertirà una serie di dolori a viso, collo, testa e orecchie. Per questo motivo, può capitare che si rechi dallo specialista sbagliato, come un neurologo o un otorinolarigoiatra. In realtà, quello di cui necessita il paziente non è altro che una visita gnatologica specialistica.

Come agire?

Per alleviare il dolore prima della visita specialistica o in situazioni non gravi, si può apporre qualcosa di caldo sulla zona interessata in modo da rilassare i muscoli contratti. Conviene evitare movimenti bruschi o forzature: prediligete una lenti e controllati movimenti della mandibola a zig-zag.

Qualora la situazione non dovesse ripresentarsi, contattate uno studio dentistico specializzato e fissate un appuntamento con lo gnatologo. Innanzitutto, il dentista vorrà individuare la causa del blocco mandibolare: potrà voler visionare i risultati di esami pregressi, richiedere una risonanza magnetica, o un’orto-panoramica per avere una visione completa della situazione. In un secondo momento, procederà con le manovre di Nelaton, ovvero sblocco manuale della mandibola. La prescrizione di farmaci specifici consentirà un decorso più veloce e meno doloroso. Se sarà il caso, lo gnatologo potrà proporre una terapia ortodontica che preveda l’uso di un bite.

Se soffri di blocco mandibolare e sei in cerca di uno studio dentistico specializzato in gnatologia, a Pisa, contatta Studio Odontoiatrico Bellemo. I nostri esperti saranno lieti di fornirle un appuntamento ed individuare, insieme, una valida soluzione.

About the author 

Studio Bellemo

You may also like

Sbiancamento dentale: cosa c’è da sapere

Il fumo rovina i denti

Emergenza Covid-19 allo Studio Bellemo

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked

{"email":"Email address invalid","url":"Website address invalid","required":"Required field missing"}